Blog di Dante Paolo Ferraris

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Crisi in Nord Africa e nuove tecnologie

E-mail Stampa PDF
Reality LibiaIl salotto di casa da qualche settimana è diventato una tribuna particolarmente attenta allo svolgersi di un melodramma il cui finale non è ancora stato scritto sulla partitura.
Scorrono sul palcoscenico televisivo le immagini di violenti scontri tra popolazione civile, forze di polizia ed esercito. Se passo da un canale all'altro della TV, saltando dal digitale terrestre al satellite, cambiano gli idiomi, cambia la voce ma purtroppo si vedono sempre immagini di violenza.
Il comune denominatore di tutti questi moti di rivolta è la richiesta di maggiore libertà, di democrazia, una lotta contro dittature mascherate, anche in quei paesi dal benessere effimero.
A muovere tutto, questa volta, non è la religione, non è il petrolio, ma la ricerca di un maggior benessere sociale.
Leggi tutto...
 

Notte tricolore

E-mail Stampa PDF
Mole tricoloreDa giorni avevo programmato la mia partecipazione alla "notte tricolore" che la prima capitale d'Italia aveva organizzato in occasione della ricorrenza del 150 genetliaco della nostra nazione.
Imprevisti di lavoro, stavano allontanando questo importante appuntamento, non più ripetibile per la mia vita.
Però poi i colleghi riescono ad organizzare un turno di lavoro che mi permette di assentarmi il tempo necessario per parteciparvi.
Non riuscirò certo a godermi per intero l'evento, ma sicuramente godrò appieno le poche ore che mi sono concesse, anche se con l'angoscia di un rapido rientro.
Con i cellulari ben caricati di energia, mi dirigo con occhi stanchi verso l'autostrada che mi condurrà nella capitale sabauda, non prima però di essere passato un attimo in via Vochieri, davanti alla casa natale di un giovane alessandrino che diede la propria vita a favore di quell'Italia unita per la quale io corro a festeggiarne l'anniversario.
Leggi tutto...
 

Una nazione dai 100 popoli

E-mail Stampa PDF
150° anniversario dell'Unità d'ItaliaTra qualche giorno sarà il 150° Anniversario dell'Unità d'Italia, unità discussa che contrappone Italiani e "secessionisti".
D'altronde la nostra unità nazionale non nacque dalla volontà popolare, come avvenne in Francia e in altre nazioni europee, ma grazie ad una Monarchia, che raccolse intorno a se tanti idealisti, anche di matrice repubblicana, ma che impose a gran parte degli altri Stati della penisola il suo Governo.
Personalmente credo, in maniera imprescindibile, nelle capacità di questa nazione, che mi ha dato i natali e che mi fa commuovere durante l'ascolto dell'inno nazionale, ma altresì sono fiero della mia esistenza "mandrogna", terra che mi ha cullato ascoltando i miei primi vagiti e mi ha cresciuto tra le terre rosse delle "trunere".
Inoltre, intendo proprio partire dalla mia terra, anzi correttamente, da oltre la Bormida, per festeggiare degnamente l'Unità Nazionale e partire da un po' più lontano del 1861, cioè dal 10 marzo 1821.
Ricorrenza strana, ma che ha trovato in me sempre grande enfasi, soprattutto quando ho saputo che il Nostro tricolore, in occasione del 10 marzo 2011, per celebrare il 150°, svetterà dai bastioni della cittadella di Alessandria.
Leggi tutto...
 

Baghdad: una missione apparentemente impossibile (III parte)

E-mail Stampa PDF
Missione Baghdad La guerra è iniziata il 21 marzo 2003 ed è proseguita con una serie di attacchi aerei su Baghdad e alle principali vie di comunicazione, per impedire che all'esercito iracheno si affiancassero altri arabi, richiamati dalla "guerra santa".
Il Pentagono definisce i bombardamenti "chirurgici" e indispensabili a diffondere paura e sgomento. L'entrata in Iraq delle truppe di terra di combattimento è iniziata con i carri armati Abraham M1A1 e blindati trasporto truppe
Ci fermiamo per delle brevi soste in mezzo al deserto, in improvvisati distributori di benzina costituiti da camioncini ricolmi di taniche che vendono la loro benzina. Ne approfittiamo tutti per scendere dalle auto, per sgranchirci le gambe. Accanto a noi nel frattempo compaiono alcuni iracheni, probabilmente arrivati dai villaggi vicini, ci guardano come si può guardare un marziano rosa.
Il viaggio è infinito, e nessuno in cabina ha più la forza di dire una parola, non che prima si parlasse molto, ma qualche parola stemperava lo stato d'animo.
Il paesaggio e assolutamente costante, la sabbia giallastra è compatta, nulla interrompe la visione piatta davanti ai nostri occhi, tutto sembra immobile intorno a noi, come morto.
Leggi tutto...
 

Commiato dal Comitato Regionale CRI Piemonte

E-mail Stampa PDF
CRIQuesta è la mia lettera di commiato. Sono stati questi ultimi cinque anni, per me, veramente entusiasmanti, ho conosciuto molte persone, tanti volontari e dipendenti di questa Associazione operosi e onesti, ho altresì conosciuto persone con cui mi sono confrontato anche intensamente, ma dal cui confronto è nata stima e considerazione. Ho conosciuto persone che non avrei voluto conoscere, ma anche tante persone che avrei voluto conoscere meglio.
Insieme a questi, abbiamo dato una nuova veste alla nostra Associazione a livello regionale, abbiamo costruito insieme momenti aggregativi di discussione e di svago, con voi abbiamo rilanciato un'immagine di una associazione attenta e vicino al bisogno, insomma tanto è stato fatto ma altresì tanto si deve ancora fare.
Leggi tutto...
 

Baghdad: una missione apparentemente impossibile (II parte)

E-mail Stampa PDF
Missione BaghdadMi ritrovo a camminare per la via della mia città, appena risvegliata dall'inverno con un tiepido sole, con la gente che esce di casa a passeggio per goderselo tutto.
Ma io cosa conosco dell'Iraq? Sarò davvero in grado di svolgere tale compito? Non posso scontentarli e rendermi indisponibile. Devo prepararmi a dire di Si e a capire come muovermi in un ambiente che non conosco.
Passo le ore successive a studiare tutto il possibile sull'Iraq. Faccio approfondite ricerche antropologiche sulle popolazioni, e sull'aspetto geopolitico attuale, ripercorro tutta la storia e la tragedia della prima guerra del golfo.
Ora mi sento un poco più pronto, attendo la chiamata di M.S. per confermargli che va bene; non voglio starci a lungo in missione questa volta, sento la necessità di riposo.
Leggi tutto...
 

Dietro le quinte di Cuba (III parte)

E-mail Stampa PDF
Cuba (04/2010)Mentre Wilmer si mette ai fornelli a casa di Fernando, io vado a comprare due cervezas e due gazzose. Sui fornelli cuoce il riso con i fagioli neri e in altra pentola il maiale con i peperoni e le cipolle, aggiungiamo una insalatina ad arricchire il nostro pranzo pasquale.
Wilmer si è trasformato in uno chef e con una insolita capacità, passa a curare i vari tegami con attenzione, quasi stesse danzando, da come il mestolo e i vari cucchiai passano da un intingolo all'altro.
Il tempo del pranzo scorre tranquillo in questa bella giornata, il sole è caldo ma c'è molto vento e riusciamo a far bere un goccio di rum a Fernando, mentre Wilmer si rifiuta categoricamente anche solo di odorarlo.
Lasciamo casa di Fernando per andare a fare due passi sulla bahia di Matanzas.
La cittadina è in fermento come se ci fosse sempre mercato, in centro sono comparse delle bancarelle dove artigiani locali vendono le proprie produzioni in pelle, cinture, portachiavi ecc, molte le bancarelle di profumi ed essenze e bigiotteria femminile. Passeggio tra le bancarelle incuriosito come un bambino, passo di fronte al forno del panettiere dove esce un profumo di pane caldo che mi attira tantissimo e se non avessi appena finito il pranzo mi fermerei a comprarlo per mangiarlo.
Leggi tutto...
 

Il dolore dello stretto (Messina ottobre 2009)

E-mail Stampa PDF
AltoliaVi ripropongo alcuni pensieri che di getto scrissi a fine del 2009 in una mia epistola, ma che sono sempre attuali e qui pubblico con la stessa enfasi.
Questa volta vorrei descrivervi una mia personale esperienza vissuta con il cuore e con la pancia, sicuramente non condivisibile ma fortemente significativa.
Per studio e volontariato ho trascorso alcuni giorni nella terra messinese e sui monti peloritani nelle aree recentemente devastate dal nubifragio del 2009.
Non voglio con voi ripercorrere la storia dell'evento o della catastrofe "denunciata": lo farò forse poi con calma in altri racconti
Per la prima volta invece, ho preso parte ai funerali delle vittime: non avevo mai partecipato a funerali di Stato a seguito di una tragedia, anche se professionalmente ne ho viste tante, forse tutte.
Sabato, quel sabato 10 ottobre, mi sono preso un giorno di riposo, ho posato carta e penna, ho tolto il fango dagli scarponi, mi sono recato la mattina presto in piazza Duomo a Messina.
Leggi tutto...
 

Un viaggio in Masovia tra Plock e Varsavia

E-mail Stampa PDF
PoloniaLa mattinata mandrogna inizia presto, la sveglia suona prima del canto del gallo della vicina cascina, veloce doccia e colazione, un occhio alla valigia preparata la sera prima, controllo del biglietto aereo, documenti ecc... e già suona alla porta Emilio che mi condurrà all'aeroporto.
Passiamo a prendere Matteo in ufficio e ci dirigiamo al casello autostradale.
Dopo una serie di peripezie stradali, chiacchiere al vento con i miei compagni di viaggio, ci giunge la telefonata dall'aeroporto che ci comunica che il nostro volo per Varsavia è annullato.
Visi oscurati da mille domande, sembra che la sfiga voli in aereo con me. Giungiamo all'aeroporto, le gentilissime e interessanti hostess della LOT, ci promettono un imbarco sul volo della sera.
Abbiamo la giornata destinata al "cazzeggio", tanto il volo è per le 19.00. Malpensa non è cosi grande come si pensa e poco dopo siamo già stanchi di vedere vetrine con mille cose inutili, di commentare le passanti, di leggere riviste, meno male che posso passare il mio tempo con l'Ipad.
Leggi tutto...
 

Dani pivo Karlovacka - viaggio tra i castelli della krajina

E-mail Stampa PDF
karlovacTornare a Karlovac è come andare nella casa di campagna di famiglia. Gli oltre 650 km di distanza dalla mia abitazione, benché pesanti per le ore di guida, sono ampiamente ripagati dalla serenità dei luoghi, ma soprattutto dalla splendida amicizia che mi lega ai suoi abitanti da molti anni.
Torno per l’annuale festa della birra, la dany karlovacko pivo. Sono anni che ci vengo per passare una serata in compagnia, bere della buona birra e mangiare il succulento maialino allo spiedo.
Quest’anno sono accompagnato da alcuni amici, Stefano, Luca ed Enza, solo Stefano è un veterano della festa della birra.
Leggi tutto...
 

Dietro le quinte di Cuba (II parte)

E-mail Stampa PDF
Cuba (04/2010) Più passeggio per Matanzas più mi mi appare una cittadina tristemente dimenticata, un gigante di 120 mila abitanti, ricoperta dalla polvere del tempo, lontana dal suo antico splendore di metà ottocento.
Tanti gli artistici ponti su San Juan e sul rio Yamuri, le case in stile coloniale e le chiese in quello neoclassico, sono tutte scrostate, pare vogliano raccontarmi con tristezza la ricchezza dei tempi passati, ma gli fa da contraltare la gioiosità della gente, si salutano, si fermano in crocchi a parlare, anche i bambini con le madri che li tengono stretti per mano e fanno la coda al carretto del venditore di zucchero filato trasmettono giocosità e ordine
Della Atene cubana, Matanzas ha i teatri in perenne restauro, della vitalità culturale ha certamente gli artisti di strada che vendono le loro opere artigianali, la musica e soprattutto il ballo che la fa ancora da padrona.
Mi raggiunge seduto al bar in plaza della Vigia, una anziana signora che per una manciata di CUC (moneta turistica) mi vende i suoi versi scritti in forma di poesia “Quise las floras del mar y se fueron a lo profundo yo te dejare de amar cuando se acabe este mundo” e alta, magrissima, vestita con abiti consunti e senza cortesia di colore.
Leggi tutto...
 


Pagina 22 di 24