Blog di Dante Paolo Ferraris

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

La finestra

E-mail Stampa PDF
finestraLa mia reggia è piccola, veramente piccola per potersi definire un maniero, ma è abbastanza grande per essere il castello dei miei sogni. Ogni angolo contiene uno scrigno di segreti, ogni parete sprigiona dai libri appoggiati su traballanti mensole, storie fantastiche e sogni.
Vi è in tutta la casa una sola finestra, non è grande, non si apre sul mare per farti godere il tramonto della vita quotidiana ma nemmeno sulle bianche montagne delle Alpi per farti ammirare l'alba della speranza che nasce dietro a quella vetta aguzza come una lucente lancia.
Si apre su una stradina piccola e sterrata, ove passano poche persone e poche auto.
La finestra è in legno di ciliegio, di quel colore rossiccio che ti mette serenità, con le dolci nervature del legno che sembrano disegnare antichi geroglifici. Una leggera tenda, sempre di color pastello, gialla o azzurrina la veste decorandola.
Leggi tutto...
 

Dietro le quinte di Cuba (VII parte)

E-mail Stampa PDF
Cuba (04/2010)La casa di Levian è nella periferia di Ciego de Avila, una piccola casetta in muratura dove vive con la moglie e la figlia, nata da pochissimi mesi.
Levian ci attende sulla strada con la sua stampella in pantaloncini corti con le infradito ai piedi. E' di carnagione più chiara di Wilmer con capelli ricci castano scuro e si presenta a torso nudo, con un fisico scolpito da far invidia ai nostri culturisti palestrati. In questo caso comprendo che è la danza che la fa da padrona con le sue quotidiane prove degli spettacoli che i ragazzi devono fare.
La moglie, coetanea di Levian, è in cortile impegnata a lavare in un mastello l'abbigliamento della loro bambina che diventa subito il giocattolo per tutti noi.
I capelli e gli occhi scuri sono quelli della mamma, ma la vivacità è sicuramente del padre.
Leggi tutto...
 

Viaggi pruriginosi (II parte)

E-mail Stampa PDF
misexSimone mi aveva fatto riflettere molto su questo antico mestiere in quanto lo avevo sempre preso in considerazione nella versione femminile e all'idea del "prostituto" non avevo mai prestato particolare attenzione.
Questa sosta al MI.SEX mi permette anzi di "aprirmi intellettualmente" a un mondo che è sicuramente "sommerso" ma è di una tale ampiezza che merita ogni tipo di attenzione e riflessione, cosa che farò sicuramente e cercherò prossimamente di analizzare e studiare e non mancherò certamente di scriverne.
Il mio amico mi aveva fatto conoscere un suo "collega" forse "concorrente", direi leggermente più anziano, che si era unito al nostro tavolino del bar sotto la galleria Vittorio Emanuele a Milano. Daniele ma soprannominato professionalmente Daniel era entrato con molta "nonchalance" nel nostro discorso e senza grandi difficoltà, non vedendomi né come giornalista né tanto meno, e purtroppo per me, come un probabile concorrente, aggiunge al nostro discorso particolari importanti per farmi comprendere perché una donna dovrebbe andare a cercare un gigolo a pagamento.
Leggi tutto...
 

Bestemmia umanitaria

E-mail Stampa PDF
guerra umanitariaIn questi giorni sentiamo di nuovo parlare di Guerra Umanitaria, come se ci fosse qualcosa di umano nella Guerra, forse si, ma il volto umano della guerra è la sofferenza, la morte, il dolore, lo strazio della perdita dei propri cari, la scomparsa di una civiltà a favore di un'altra, la recrudescenza di antichi dissapori ed in questo caso tribali, ma anche la fuga, il rifiuto, la dignità negata, questo è il volto di una guerra umanitaria.
Nell'epoca della globalizzazione dove tutto è immediato, dove la comunicazione diventa strumento di propaganda, sono ancora le armi a determinare il vincitore e non la Ragione.
Ma nel Nord Africa ciò che stato una rivolta di popolo è diventato rapidamente un conflitto internazionale, dove la volontà di cambiamento si è trasformato in nuove forme di egemonia, mascherando il nuovo colonialismo in intervento umanitario.
Tale propaganda, tali azioni militari in difesa di popolazioni inermi li troviamo oggi in Libia ma non in Siria, Nigeria o Sudan ecc… e tutto ciò avviene nella più totale indifferenza mediatica.
Leggi tutto...
 

Viaggi pruriginosi (I parte)

E-mail Stampa PDF
misexNon vorrei scandalizzare i miei lettori ma questa volta mi addentro in un argomento "scottante" o quantomeno che i benpensanti potrebbero considerare scandaloso, certamente è uno scritto leggero e forse frivolo.
Però ho ritenuto che questo breve racconto dovesse comunque essere scritto in virtù di alcune considerazioni: la prima sta nel mio non accettare più quel falso moralismo ormai imperante nella nostra società, la seconda sta nella ricerca di un‘etica in tutte le cose e per ultima ma non per questo meno importante nel voler affrontare una ricerca su un mondo fino ad oggi per me quasi sconosciuto.
Fatte queste considerazioni posso tranquillamente invitare il lettore che condivide i miei presupposti a proseguire nella lettura, gli altri a cambiare blog o a passare ad altro post.
Leggi tutto...
 

Esistono i fantasmi?

E-mail Stampa PDF
fantasmiÉ sorprendente, ma sembra che appaiano più fantasmi di persone vive che non di persone morte. Gli esperti chiamano questi fantasmi viventi "apparizioni critiche", perché molti appaiono quando la persona di cui sono il fantasma si trova in pericolo o quando la coscienza di chi ha la visione non è molto limpida.
Sinceramente sono un po' dispiaciuto, anche a me piacerebbe vedere un fantasma, questa entità astratta che veleggia, mi piace l'idea di un "fantasmino buono" come il celebre CASPER della Paramount. Certo che se vedere il fantasma di una persona vivente significa che questa è in pericolo, mi dispiacerebbe un po', ma non ho altre visioni.
Leggi tutto...
 

Notte Verde con le Penne Nere

E-mail Stampa PDF
alpinoL'attesa sulla banchina del binario 5 è lunga e cerco di far passare i 50 minuti di attesa del regionale per Torino ascoltando la musica dall'Ipod e guardandomi intorno come per capire come sia cambiata la stazione ferroviaria della mia città negli ultimi anni. Non utilizzo molto il treno per gli spostamenti, sia per pigrizia sia per non sentirmi legato da orari.
Questa volta però lo ritengo assolutamente necessario: sono convinto che avventurarsi oggi verso Torino sia una "missione impossibile". Intorno a me crocchi di giovani fanciulli dall'aria inebetita dalla splendida e calda giornata che fanno confusione con i loro urletti scemotti, ma è tutto permesso vista la loro giovane età. Mi colpiscono due giovanissime coppie teneramente abbracciate che continuano a baciarsi, probabilmente dichiarandosi amore eterno, apprezzo il bello delle prime infatuazioni, quando pensi di essere al centro del mondo e di aver scoperto il valore della coppia e della vita.
Leggi tutto...
 

Dietro le quinte di Cuba (VI parte)

E-mail Stampa PDF
Cuba (04/2010)Passiamo la giornata con una visita con la famiglia di Wilmer a Sancti Spiritus, la strada è un ampio viale bellissimo, bordato di flamboyant, alberi dai fiori rossi, che generano una esplosione di rosso e verde che si staglia su un cielo azzurro, sfrutterò questa giornata per curiosare tra i negozietti della cittadina alla ricerca di qualche regalino da portare a casa agli amici più stretti.
La giornata scorre tranquilla, impegnati a fare i veri turisti per negozi e a far fotografie vicino alle statue di illustri personaggi cubani. Yanelis si presta volentieri ha farmi da damigella in posa per le mie fotografie.
I negozi vendono essenzialmente prodotti nazionali ma si può trovare anche merce asiatica o sud americana.
Sono alla ricerca di una Guayabera che mi piacerebbe regalare al mio amico Roberto che la vorrebbe aderente per mettere in evidenza il suo fisico ma la Guayabera è una camicia a manica lungha o corta, caratterizzata da pieghettature verticali (alforzas) e dotate di due o quattro tasche. E' molto popolare in America Latina ed è anche utilizzata come camicia nuziale in Messico, sopratutto diffusa per i matrimoni celebrati in spiaggia per la combinazione di stile e comfort.
Leggi tutto...
 

Baghdad: una missione apparentemente impossibile (VI ed ultima parte)

E-mail Stampa PDF
Missione BaghdadSi può dire che la guerra sia ancora in corso, che già gli iracheni mettono in circolazione Dinari falsi e ciò ci spinge ad essere maggiormente attenti. Intanto che continuo a verificare i possibili fornitori per i generi alimentari, materiale elettrico, carpenteria, servizi di pulizia e interpretariato, i colleghi ottengono le necessarie autorizzazioni dal governo provvisorio e della I.R.C.S. (Iraq Crescent Society)
I direttori sanitari dei due ospedali si dimostrano particolarmente disponibili e felici del nostro arrivo mentre gli unici a mostrare una certa ostilità sono i ginevrini che temono invasioni di campo, ma per noi questo è un problema politico tra Roma e Ginevra
Leggi tutto...
 

Dietro le quinte di Cuba (V parte)

E-mail Stampa PDF
Cuba (04/2010)Entriamo a Jatibonico, piccola cittadina della Provincia di Sancti Spiritus che prende il nome dall'omonimo fiume. La strada centrale, che porta il maestoso nome di calle MACEO, è linda e non ci sono i soliti segni delle moderne città occidentali. Porta il nome di Antonio Maceo Grajales, generale e politico cubano, eroe della guerra di indipendenza dell'isola dalla Spagna combattuta a più riprese tra il 1868 e 1898. Maceo è considerato con Maximo Gomez il più importante condottiero militare della guerriglia condotta contro la potenza colonizzatrice che occupava l'isola dal 1492.
Si occupò delle attività del padre, commerciante di prodotti venezuelani e agricoltore ed in seguito aderì alla massoneria cubana che era influenzata dai principi della rivoluzione francese.
Leggi tutto...
 

Baghdad: una missione apparentemente impossibile (V parte)

E-mail Stampa PDF
Missione Baghdad Tutta la delegazione incontra il generale Blaunt (U.S. Army) al Palestine, Hotel nel centro Baghdad, diventato sede del comando alleato.
Davanti all'albergo, circondato da filo spinato, carri armati e nidi di mitragliatrici ovunque, una moltitudine di persone si accalca alla ricerca di chissà quale permesso o favore da chiedere.
Ci avviciniamo, strappando ogni centimetro a questa moltitudine di persone, tutti iracheni o quasi. Stringo forte i documenti e nel tentativo di raggiungere l'ingresso mi sento sfilare dalla tasca chiusa il portafoglio. Mi giro di scatto, fortemente irritato e gesticolo con chi era vicino a me, ma tutti alzano le mani scuotendo la testa dimostrando di aver compreso l'accaduto, ma non riesco a recuperare il portafoglio. Una grande rabbia mi assale, intanto mi sento impotente, i colleghi ormai sono avanti e non riesco a farmi sentire da loro, ma poi anche se mi sentissero cosa possono fare?: NULLA, NULLA, sono migliaia intorno a me, non esiste uno Stato, c'è la guerra e non esiste una polizia, almeno come possiamo immaginarla noi occidentali.
La rabbia non è per il furto dei soldi e dei documenti (cosa mi sono portato da fare la carta di credito, in un paese in guerra!), ma perché mi sono fatto fregare come un "pollo", io fiero del mio essere mandrogno. Cerco con rassegnazione di raggiungere i colleghi dentro il Palestine.
Leggi tutto...
 


Pagina 22 di 25