Blog di Dante Paolo Ferraris

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Il mio Piemonte: Neive

E-mail Stampa PDF
La giornata, con l'amico Matteo, la dedichiamo al borgo di Neive, Oggi il sole sembra non essersi svegliato. Ha tirato la coperta di nuvole fino alla testa e di lui non c'è traccia. Non abbiamo nessuna speranza che i suoni delle campane del mattino possano scuoterlo. Ma sorridiamo ed illuminerò la giornata con le belle cose da ammirare a Neive.
Di Neive c'e ne sono due; una in fondo alla collina, più moderna e attiva, sviluppatasi intorno alla stazione ferroviaria posta sulla linea Alessandria-Cavallermaggiore, purtroppo oggi disattivata nonostante sia nel territorio Unesco e sia un notevole richiamo turistico.
La seconda, quella di nostro interesse è invece abbarbicata in cima della collina, raccolta intorno ad una torre medioevale.
Parcheggiato la macchina, poco distante dalla Cappella San Rocco, percorriamo brevemente la storia del borgo prima di iniziare la nostra breve visita turistica. Neive è stato abitato fin dal Neolitico, grazie ai fitti boschi e alla ricchezza di acque, fu abitato da Liguri e da tribù galliche, fino all'arrivo dei Romani, intorno al II secolo a.C.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte: Il viale della Rimembranza di Castelceriolo

E-mail Stampa PDF
Recentemente andando al cimitero di Castelceriolo dove sono sepolti di miei cari,non ho potuto che notare, con molto disappunto il taglio di un Ippocastano che insieme ad altri crea un viale alberato. Il ricordo corre a tanti anni fa, quando con mio nonno paterno dovevamo transitare sotto le frondose chiome degli ippocastani per raggiungere la vigna. Era altresì frequente che mentre io scalciavo i ricci e le castagne mentre vi transitavamo, il nonno mi raccontasse che ogni albero voleva ricordare dei suoi giovani amici che a differenza sua non erano riusciti a tornare a casa dalla prima guerra mondiale. Infatti su ogni albero insieme a un mazzolino di fiori freschi vi era affisso una targhetta che riportava il nome del caduto in guerra.
Infatti il 27 dicembre 1922 il Ministero della Pubblica Istruzione inviò a tutti i regi Provveditori agli Studi una lettera circolare con la quale veniva richiesto: "[...] che le scolaresche d'Italia si facciano iniziatrici di una idea nobilissima e pietosa: quella di creare in ogni città, in ogni paese, in ogni borgata, la Strada o il Parco della Rimembranza. Per ogni caduto nella grande guerra, dovrà essere piantato un albero; gli alberi varieranno a seconda della regione, del clima, dell'altitudine [...]". Un'iniziativa che il nonno ricordava benissimo e che aveva avuto luogo anche nel piccolo paesino alle porte di Alessandria.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte : Monastero Bormida

E-mail Stampa PDF
Monastero BormidaLa sveglia stamattina mi pare abbia suonato con anticipo oppure la notte mi è sembrata più corta e non ho avuto il tempo di chiudere gli occhi che già era tempo di alzarsi. Ma per fortuna il cielo sembra morbido con le nuvole gommose in cielo e il sole che naviga tronfio verso l'alto. La giornata la trascorrerò in un borgo astigiano insieme ad Andrea. La macchina già sfreccia sulle strade dell'appennino acquese e il gusto del caffè della colazione è un mero ricordo, lasciamo cosi il Monferrato ed entriamo nelle Langhe astigiane.
Monastero Bormida, il nome lo lascia intuire, fu fondato da un gruppo di monaci benedettini che, intorno al 1050 circa, arrivarono dall'abbazia di Fruttuaria di San Benigno Canavese, chiamati da Aleramo marchese del Monferrato per sollevare le sorti con il loro lavoro nei campi a dissodare e seminare le terre devastate dalle invasioni di Saraceni. I Saraceni, provenivano dalla Provenza dove a Frassineto, presso Saint Tropez avevano creato un loro insediamento. I saraceni valicarono le Alpi e scesero in Piemonte dopo aver distrutto il monastero di San Dalmazzo di Pedona e quello di San Pietro di Ferrania, mettendo tutto il contado a ferro e fuoco, facendo stragi di inermi, raggiungendo le mura di Acqui, dove furono sconfitti nel secolo IX. Il Basso Piemonte a quei tempi era suddiviso in tre Marche , quella Aleramica, quella Arduinica ed infine quella Obertenga. Monastero Bormida faceva parte della Marca Aleramica. All'epoca delle incursioni saracene il territorio saccheggiato della valle Bormida nei documenti dell'epoca era indicato come deserta loea o Marchesato del Vasto, cioè della terra devastata.
Leggi tutto...
 

A zonzo con il calessino (XVIII parte)

E-mail Stampa PDF
CalessinoParcheggiati i nostri potenti mezzi di trasporto, dopo un rapido happy-hour con Gian e le nostre nuove amiche, abbandono Gian alla loro compagnia e vado a fare un breve giro turistico per Aosta. Anticamente, nel 1352 sull'area oggi occupata dalla piazza e dal municipio, il Conte Verde, ossia Amedeo VI di Savoia vi fece edificare un complesso conventuale dedicato a San Francesco, con una chiesa a tre navate e un campanile alto circa 40 metri. Nel 1835 iniziò la demolizione del complesso conventuale e nel 1835 iniziarono i lavori di costruzione del palazzo neoclassico del municipio. Il municipio è posto sul lato nord della piazza. Il frontone del municipio è riccamente decorato, mentre alla sua base vi sono due statue che rappresentano i due corsi d'acqua che attraversano la città: la Dora Baltea e il torrente Buthier. Adiacente al palazzo municipale vi è l'Hotel des Etas, fu edificato per ospitare l'assemblea legislativa locale alle stretta dipendenza della Corona Sabauda, oggi ospita mostre temporanee. Sotto i portici del municipio c'è lo storico "Caffè Nazionale", istituito a metà Ottocento.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte: Avigliana

E-mail Stampa PDF
AviglianaL'aria frizzante del mattino mi risveglia dal sonno che ancora non mi vuol lasciare, il tepore della giornata è l'anticipato della calda giornata che mi aspetta. Gli scampoli d'estate si mettono in mostra con i colori della campagna che mi accompagnano in questo viaggio in autostrada.
Voglio passare una giornata a scoprire Avigliana girando tra le sue strade e calpestando i suoi storici selciati; ad attendermi c'è Michele, un vecchia conoscenza, nonostante la sua giovane età. Si tratta di un ragazzo sulla trentina che però ha mantenuto uno spirito assai giovanile e festaiolo; ha una corporatura normale, un altezza regolare e un corpo aggraziato. Porta come sempre degli abiti di taglia più grande della sua e molto colorati, forse vuole lasciar credere di avere un lato anticonformista, così come i suoi piercing e orecchini. Ha i capelli neri e lisci, con una fronte ampia e scoperta. Ha fossetta pronunciata sul mento, un naso simpaticamente a patata e gli occhi sono sottili e diventano subito due fessure non appena accenna ogni piccolo sorriso; questi sono incoronati da folte sopracciglia. In complesso è sempre ben curato, quasi volesse apparire un eterno ragazzino.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte:Volpedo

E-mail Stampa PDF
VolpedoLa giornata inizia con una mattinata di una limpidezza incantevole, il cielo bizzoso di ieri ci ha abbandonato. Oggi ci lasciamo illuminare da questo sole non sapendo cosa ci aspetta domani. In compagnia di Matteo raggiungo dopo un breve viaggio "Vicus Pecudis" come veniva chiamato il villaggio romano di Volpedo, già insediamento di popolazioni liguri. Antichi reperti di necropoli trovate lungo la riva destra del torrente Curone, ove insisteva la strada che conduceva a Derthona ne dimostrano l'importanza. La storia medioevale del borgo s'intreccia con quella di Tortona, infatti durante l'assedio di Tortona da parte di Federico I nel 1155 i suoi abitanti insieme a quelli di Monleale, Montemarzino e Pozzol Groppo intervennero in aiuto ai tortonesi. Nel 1347 segui le sorti di Tortona e passò sotto il ducato Visconteo. Il capitano Perino Cameri di Tortona, uomo di fiducia dei Visconti ne diventò feudatario e nel 1425 con testamento donò i suoi possedimenti alla Fabbrica del Duomo di Milano. Volpedo rimase sotto questi ultimi fino al 1756 quando, passato il tortonese sotto il regno di Savoia divenne feudo dei Guidobono Cavalchini e poi nel 1849 dei Malaspina. Nel 1513 la storica rivalità con il villaggio di Monleale, sulla sponda sinistra del Curone, di fazione Ghibellina, e Volpedo, Guelfo, portò alla distruzione di quest'ultima, comprese le mura del castrum che vennero ricostruite a partire dal 1589 quando Milano era sotto la dominazione spagnola.
Leggi tutto...
 

A zonzo con il calessino (XIX parte)

E-mail Stampa PDF
CalessinoRaggiungiamo così Borgofranco d'Ivrea, antico ricetto del XIII secolo che conserva l'architettura regolare delle sue strade, con i suoi edifici a due piani e un antica torre medievale che funge anche da campanile, sembra che osservi dall'alto le antiche case, quasi a volerne essere la guardia.
La parrocchiale della Madonna del Rosario e dei Santi Maurizio e Germano fu eretta nel 1663 e restaurata nel 1792. La chiesa realizzata dalla confraternita del Rosario è a tre navate con arredi in stile barocco. Prima di questo edificio religioso, la parrocchiale fu l'antica chiesa medioevale di Santa Marta, ampliata e modificata nel 1691 su volontà del marchese Claudio Morini, ciambellano del re di Francia e ambasciatore presso i Savoia, di cui fu feudatario di Borgofranco dal 1623.
L'edificio storico di maggior pregio è proprio Palazzo Marini; imponente costruzione, le cui parti più antiche possono essere datate tra il 1200 e il 1300. Intensamente affrescato e decorato all'incirca fra il 1625 e 1650, con richiami al mito di Proserpina e altri molteplici allegorie.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte : Olmo Gentile

E-mail Stampa PDF
È una di quelle giornate in cui il cielo promette tutto e non mantiene niente. Nuvole, sole e vento parlottano lassù e alla fine nessuno prenderà una decisione. Il mio viaggio in auto nella alta langa astigiana prosegue all'insegna del cielo variabile. Oggi voglio visitare il borgo di Olmo Gentile, il suo territorio è attraversato dal rio Tatorba, mentre il centro del borgo è arroccato intorno al castello con la sua alta torre e la chiesa parrocchiale. Vi arrivo percorrendo la strada che proviene da Roccaverano; il paesaggio è suggestivo nonostante l'alternarsi del gioco delle nuvole con il sole. Il territorio è sostanzialmente collinoso, con diversi terrazzamenti dove si alternano campi coltivati, pascoli, gerbidi e boschi. Da sempre l'agricoltura ha rappresentato per la popolazione la fonte più importante della economia locale. Il paesaggio sulla cresta che divide due vallate pare voglia oggi essere lo scenario del vento che con le sue folate schizza strani disegni sui prati e gioca con le foglie degli alberi.
Leggi tutto...
 

Non siamo più abituati alle nevicate

E-mail Stampa PDF
CollobianoDue giorni di neve, raggiunti anche i 10 cm in pianura. Sembra un bollettino di guerra se lo si vede leggendo i post demenziali letti sui social. Chissà se nevicasse veramente cosa accadrebbe. Tutti a lamentarsi come se la neve non fosse un evento ordinario e necessario per l'inverno. Inutili post che si lamentano, insultano ecc... per la percorribilità delle strade, come se quando nevica si potesse correre sui nastri d'asfalto come al circuito di Monza. Posso solo augurare a tutti coloro che così scaricano le loro frustrazioni che continuino la querelle di inutili imprecazioni, sono contento se li aiuta a stare meglio. Non sono interessato a scrivere di sale, spartineve, non me ne frega nulla se non potete andare in palestra con il SUV, dal parrucchiere ecc... E se come me dovevate andare al lavoro, qualcuno in ospedale, basta partire prima da casa.
Leggi tutto...
 

A zonzo con il calessino (XVII parte)

E-mail Stampa PDF
CalessinoI calessini sono ormai alle porte dell'animato centro industriale e commerciale di Chatillon. Il borgo è collocato nella conca del torrente Marmore che attraversa il centro abitato. La vocazione di Chatillon a polo industriale risale al XIV secolo con lo sfruttamento delle miniere di ferro di Usel, raggiungendo il suo periodo più florido nel XVIII secolo. Ma la zona è anche famosa per il settore tessile con numerose aziende. La particolare ricchezza del patrimonio architettonico dimostra la sua grande storia. Infatti fu feudo degli Challant dal 1252 che vi costruirono due dei tre castelli presenti. Il primo oggi è di proprietà dei conti Passerin d'Entrèves. Questo castello si erge nello stesso luogo dove un tempo, in epoca romana si ergeva una fortezza, da cui il nome del borgo Chatillon che deriverebbe da Castellio, più volte ampliato e modificato, nel XVIII secolo viene trasformato in un palazzotto signorile. Il secondo castello è quello di Ussel, si trova su un costone roccioso che domina il paese di Chatillon, garantendo altresì il controllo dell'imbocco della Valtournanche. Questo castello fu costruito da Ebalo II di Challant nel 1343. Il terzo castello è conosciuto come il Castello Gamba o anche Castello Barone Gamba. Il castello è stato costruito nel 1911, ha uno stile sobrio nonostante imiti le fattezze di un castello d'epoca.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte: Quinto Vercellese

E-mail Stampa PDF
Quinto VercelleseMi sono svegliato e sceso in strada ho trovato sul cristallo dell'auto un lucido piano del ghiaccio, non ho il tempo di attendere che sia il sole a scaldarlo, un altro breve giro per il Piemonte mi attende e devo pertanto darmi da fare a sghiacciare il lunotto.
La strada che mi conduce nel vercellese è poco trafficata stamattina, forse, sarà che il sole fa fatica a far capolino da dietro le nuvole e conseguentemente così la maggioranza delle persone faticano a trovare la via d'uscita da sotto il piumone.
Raggiungo Quinto vercellese, adagiato sulla pianura padana e quasi incorniciato da campi coltivati a riso. Il borgo, forse di origine romana si trova sul versante destro del torrente Cervo poco distante dalla confluenza con il torrente Elvo. La toponomastica ci indica chiaramente che il borgo si trova "Ad quintum lapidem" da Vercelli ossia a cinque miglia da Vercelli, circa sette chilometri. Della storia di Quinto Vercellese ho trovato veramente poco se non alcuni dati, comunque importanti; infatti le prime notizie certe del borgo risalgono al 964 e sono citazioni di un frammento del sinodo diocesano di Vercelli del vescovo Ingone.
Leggi tutto...
 


Pagina 1 di 25