Blog di Dante Paolo Ferraris

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

La terra degli dei (X ed ultima parte)

E-mail Stampa PDF
greciaUna puntatina, dopo un po' di ristoro e d'obbligo al quartiere della Plàka. Questo è uno dei più antichi e caratteristici quartieri di Atene; si estende proprio ai piedi dell'Acropoli e tra le sue strette vie si concentrano le tradizionali taverne, i ristoranti, gli animati caffè, gli innumerevoli negozietti artigiani. Nella Plaka si possono scoprire scorci di un Atene antica, anche se sei a due passi dai moderni grattacieli. Tra le sue stradine si celano monumenti, palazzi e chiese bizantine, che si affiancano a negozi e ristoranti. Dai palazzi neoclassici e dalle antiche case, cascate buganvillee e gelsomini, inebriano con i loro profumi il turista e con i loro colori accesi creano un ambiente in cui convivono armoniosamente presente e passato, bellezza e razionalità, cultura e svaghi. Il quartiere ha un forte sapore isolano, grazie alla sua pedonalizzazione, si passeggia tra i tavolini dei ristoranti all'aperto dove i camerieri vi invitano a sedervi. Nelle piazzette, nelle stradine trovi musicisti, madonnari, fiorai, e le botteghe. sono affollate da turisti alla ricerca di souvenir tipici. La zona nasce come quartiere operaio, oggi Plaka è una delle maggiori mete turistiche della capitale greca; luogo ideale per una tranquilla passeggiata.
Leggi tutto...
 

Il Mio Piemonte: Quargnento

E-mail Stampa PDF
QuargnentoStamattina il cielo è plumbeo, quasi lo sento borbottare sopra di me, ma sono certo che qualche raggio di sole s'infilerà tra i gomitoli di fili grigi che le nuvole hanno disegnato.
La giornata la dedico ad una visita alla mostra temporanea che il Comune di Quargnento ha voluto dedicare al suo più illustre concittadino, il pittore Carlo Carrà.
Sarà per me anche l'occasione per fare due passi tra le antiche strade di questo antichissimo borgo dell'alessandrino.
Il viaggio è tranquillo, ascoltando un cd dei miei cantanti preferiti. Tanto che il viaggio sembra più breve di quello che è in realtà.
Devo parcheggiare l'auto dietro la chiesa parrocchiale, perché la piazza è occupata da molte automobili, complice sicuramente la mostra e il mercato settimanale.
Leggi tutto...
 

La terra degli dei (IX parte)

E-mail Stampa PDF
greciaDopo un lungo viaggio raggiungiamo la città di Atene, una metropoli cosmopolita, centro economico e culturale della Grecia.
È nota in tutto il mondo per la nascita della democrazia, per essere stata la sede dell'accademia di Platone e del liceo di Aristotele, oltre che aver dato i natali a tanti illustri personaggi come Socrate, Pericle, Sofocle. Fu una fiorente polis, considerata la culla della civiltà occidentale.
La prima tappa è arrivare al piccolo albergo che i miei compagni di viaggio hanno trovato e prenotato. La cosa che più impressiona arrivando ad Atene è il caos: le strade sono intasate da automobili strombazzanti, dalla folla caotica di turisti che si aggirano come perduti. Ma entrando nei quartieri centrali, dove le vie si fanno più strette e gli alti palazzi non permettono al sole di penetrarvi, mi colpisce soprattutto l'odore. Un odore intenso, quasi nauseabondo, un miscuglio di puzze provenienti da piccoli locali di ristoro e chissà da cos'altro!
Leggi tutto...
 

La palestra e gli spornosexual

E-mail Stampa PDF
SpornoSexualIl gelo si è appropriato della notte, si esibisce anche questa mattina congelandomi le mani, mentre cerco di sghiacciare il parabrezza dell'auto che dovrà portarmi in città. Il freddo e il gelo pare stamane abbiano rallentato i movimenti di tante persone. Ormai sulla strada che mi condurrà in palestra vedo il sole, che imperterrito incassa secondi preziosi lassù, nel cielo, nel tentativo di offrirmi una bella e luminosa giornata. Io tento di aiutarlo, ascoltando dall'autoradio le canzoni di uno dei miei cantanti preferiti.
Da qualche tempo, sono costretto a frequentare una palestra cittadina, almeno bisettimanalmente, nel tentativo di ridurre i miei dolori alla schiena, dovuti ad un ernia e una discopatia che si sono impadroniti del mio vivere quotidiano.
Leggi tutto...
 

Il Mio Piemonte: Bosco Marengo

E-mail Stampa PDF
Bosco MarengoAnche questa settimana è arrivato il week end, accarezzato finalmente dallo sguardo del sole. L'aria del mattino è spumeggiante, ho voglia di abbandonarmi e riposarmi alla rassicurante dolcezza della primavera. Non ho voglia di fare tanta strada in auto; ho solo voglia di assaporare i profumi della campagna ed immergermi in un percorso storico.
Dal balcone di casa, ammirando i campi con il grano appena germogliato, sento l'odore di primavera pervadermi, accompagnato dai primi cinguettii. All'orizzonte nuvole dispettose a un sole capriccioso, riempiono l'aria di quello strano profumo inebriante che mi è mancato per tutto l'inverno. Se oggi passerà qualche nuvola in cielo sarà solo per ricordarmi quanto è bello il sole.
Leggi tutto...
 

La terra degli dei (VII parte)

E-mail Stampa PDF
greciaIl caldo afoso mi porta un po' di mal di testa e la forte luce mi obnubila la vista, ma ciò non mi impedisce di poter vedere uno delle più belle città della storia greca, benché ridotta a rudere. Già da lontano, posso ammirare, nascosta da secche sterpaglie la collina con in cima l'acropoli. Raggiungiamo così la monumentale entrata della rocca. La "Porta dei Leoni" dà accesso a Micene, antica città e capitale dell'Argolide. La porta risale al 1300 a.C. circa, e fa parte del sistema di fortificazioni delle mura ciclopiche della città, che ai nostri occhi pare persino incredibile che esseri umani con poche attrezzature edili siano riusciti a edificare soprapponendo immensi macigni squadrati. Sulla sommità della porta è posta una grande lastra di pietra triangolare con due leoni (o leonesse) dalle teste mutilate ed affiancati in piedi sulle zampe anteriori.
Leggi tutto...
 

Alla scoperta della generazione fluida

E-mail Stampa PDF
Generazione FluidaAscolto, involontariamente una discussione tra giovani ragazzi, seduti sullo stesso treno regionale che da Milano porta a Genova.
Sono due ragazzi e una ragazza, intorno ai vent'anni. Lei, alta, capelli lunghi neri e lucidi, un viso chiaro con un leggero trucco che ne evidenzia la giovane età, due occhi scuri, con due ciglia lunghe e nere, un naso delicato, sottile e aggraziato su una bocca piccola con due labbra fini e rosee. Veste con un jeans sdrucito e attillato, una camicetta chiara e sottile che mette in evidenza le dolci forme di un piccolo seno. Orecchini vistosi e scuri pendono dai lobi delle due piccole e chiare orecchie. Un paio di scarpe da ginnastica in tela rosa, senza calzini completano l'abbigliamento. Una borsa enorme e colorata, contiene anche i libri di scuola che ne fuoriescono.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte: Priorato Cluniacense di San Pietro e Paolo

E-mail Stampa PDF
Prioratoo CluniacenseStamattina il cielo azzurro ha trovato un po di spazio tra le nuvole, ma il sole si farà spazio e renderà questa giornata autunnale semplicemente fantastica.
La giornata è dedicata ad un giro "fuori porta" alla scoperta di un monastero cluniacense.
Raggiungo così il piccolo borgo, posto nella pianura biellese. Mi attende Gian, un amico, titolare di un blog di viaggi, "viaggia e scopri", è uno dei più quotati travel blogger italiani e con lui mi reco a visitare il Priorato Cluniacense di Castelletto Cervo. Il priorato è anche conosciuto come monastero cluniacense di San Pietro della Garella, anche se il suo vero nome è Priorato cluniacense dei Santissimi Pietro e Paolo di Castelletto Cervo.
Raggiungiamo il cortile dell'antico cenobio, parcheggiamo in cortile, che un tempo doveva essere il giardino del chiostro del monastero.
Una anziana signora ci accoglie, scusandosi di non essere in grado da farci da guida alla visita nella chiesa.
Leggi tutto...
 

La terra degli dei (VIII parte)

E-mail Stampa PDF
greciaIl nostro tour nella Grecia antica continua con una visita alle vestigia di Epidauro, un comune sempre dell'Argolide. Questa zona è conosciuta principalmente per il suo santuario dedicato ad Asclepio e per il suo teatro, ancora oggi utilizzato.
Visitiamo il teatro in una giornata caldissima, pare che anche il capellino che indosso sia trafitto dai raggi del sole. Mentre i miei compagni di viaggio s'aggirano tra gli enormi spazi del teatro, quasi volessero impersonificare gli antichi attori, io mi siedo sulle gradinate ad ammirare le grandi spazi che occupa. Il teatro fu realizzato nel 350 a.C. su progetto dell'architetto Policleto il Giovane. Si racconta che nessun teatro avesse uguali per perfezione e armonia di proporzioni architettoniche e per l'eccezionale acustica. Infatti dalla mia posizione della curvatura della cavea (koilon), ossia le gradinate dove prendevano posto gli spettatori per assistere alle rappresentazioni, ai giochi, o ad altri intrattenimenti, l'acustica è perfetta, tanto da sentire perfettamente i chiacchiericci di chi sta nell'area destinata al palcoscenico (logeion).
Leggi tutto...
 

Merman

E-mail Stampa PDF
MermanHairOggi sono in compagnia di Marco ed Erika in uno di quei nuovi locali che vanno tanto di moda a Torino. L'ambiente richiama un format moderno e allegro ma il menù è tradizionale: oltre agli hamburger di carne piemontese, il locale serve anche robiole al forno, carne cruda battuta al coltello, acciughe in salsa verde e rossa, dolci tipici come bônet e panna cotta, vini piemontesi e altre bevande prodotte in Piemonte. Anche i nomi dei piatti sono in dialetto piemontese, dal più semplice degli hamburger, solo con insalata e pomodoro è Chiel, cioè "lui", poi c'è il Gaute Mac Da Suta, "levati da sotto" con cipolla, o il Sensa Cognisun, con bagna caôda.
Osservo una coppia di ragazzi che si siedono al nostro fianco mentre mi gusto il mio panino e sorseggio un buon bicchiere di vino nero. Apparentemente nulla di strano, tranne che lui ha i capelli e la barba, con i colori che ricordano le sfumature del mare: dal verde acqua al blu.
Leggi tutto...
 

Il Mio Piemonte: a Miradolo tra memorie caravaggesche ed alessandrine

E-mail Stampa PDF
MiradoloLa sveglia suona alla solita ora. Mi alzo dal letto con difficoltà, le giunture e tutte le ossa ormai scricchiolano, segno che le primavere passano. Mi affaccio dalla finestra, il sole affiora maestoso all'orizzonte dietro le prime colline del Monferrato. Promette una giornata splendente, capace di sciogliere il freddo pungente delle mattine di marzo. La colazione è rapida, ho voglia di uscire a godermi la bella giornata che si sta annunciando. Faccio fatica a decidermi se vestirmi con abbigliamento pesante o con dei capi già primaverili, come mi indica il calendario. Opto per vestirmi leggero ma di portarmi appresso una giacca più pesante. Il viaggio di oggi non è breve e sento la necessità di un caffè, ho scelto di ascoltare un cd di un cantante poco conosciuto: Davide Carone. Le sue canzoni mi allietano il viaggio e mi fanno dimenticare il caffè, che comunque assaporerò al mio arrivo. La mia meta di oggi è la mostra, ideata e curata da Vittorio Sgarbi, "Caravaggio e il suo tempo" all'interno del castello di Miradolo a San Secondo di Pinerolo.
Leggi tutto...
 


Pagina 5 di 16