Blog di Dante Paolo Ferraris

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

A zonzo con il calessino (I parte)

E-mail Stampa PDF
CalessinoLa sveglia che ho appuntato per il mattino mi ha perseguitato tutta la notte, per la paura di non sentirla. Non ho avuto il tempo di chiudere gli occhi che è già tempo di alzarsi.
Il cielo visto dalla finestra oggi sembra morbido ed il sole ha appena fatto capolino.
Forse il cielo non sarà splendente questa mattina, ma non sempre le nuvole offuscano la volta celeste.
La valigia è già pronta e tra poco sarò sul treno, direzione Milano.
Intanto che il treno corre verso la sua meta, osservo fuori dal finestrino e lo sguardo, anche oggi, scivola lontano. Mentre il sole sbarazzino, si nasconde dietro a qualche nuvola, la luce dei suoi raggi si riflette sui vetri del finestrino, ma anche sui tetti delle case che trafiggono le chiome degli alberi che sembrano esplodere.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte: Murisengo

E-mail Stampa PDF
MurisengoDopo una notte piovosa, il grigio si è impossessato del cielo, ma non mi arrendo e decido che oggi il mio piccolo tour mi porterà a nord, ai confini della provincia di Alessandria, dove le colline appaiono come morbidi rilievi decorati da vigneti e boschi, le piccole vallate sono campi coltivati a prato. Un piccolo torrente corre per tutta la lunghezza della Valle Cerrina è il torrente Stura del Monferrato. Murisengo, luogo in cui mi reco stamattina è un antico borgo arroccato in sponda destra del torrente Stura del Monferrato. Diverse sono le frazioni che accompagnano il capoluogo, San Candido, Corteranzo, Sorina, Bricco e Casa Battia. Proprio a San Candido, lungo la strada provinciale Casale Monferrato - Torino, sosto prima di inerpicarmi su per il colle di Murisengo. Qui nella piana si erge la chiesa della frazione, e come vuole il nome della frazione è dedicata a San Candido. Costui fu martire della Legione Tebea proveniente dalla Grecia e, nel II° sec. D.C., transitò per la Val Cerrina diretto in Gallia. La legione, che comprendeva circa 3.000 uomini, comandata da Maurizio si rifiutò di abiurare il cristianesimo, da Roma giunse l'ordine di decimare l'intera legione e durante il passaggio per Murisengo. Candido, secondo le storie locali, che ne era un comandante fu decapitato. Una Sua reliquia sarebbe conservata nella chiesa del borgo.
Leggi tutto...
 

La terra degli dei (X ed ultima parte)

E-mail Stampa PDF
greciaUna puntatina, dopo un po' di ristoro e d'obbligo al quartiere della Plàka. Questo è uno dei più antichi e caratteristici quartieri di Atene; si estende proprio ai piedi dell'Acropoli e tra le sue strette vie si concentrano le tradizionali taverne, i ristoranti, gli animati caffè, gli innumerevoli negozietti artigiani. Nella Plaka si possono scoprire scorci di un Atene antica, anche se sei a due passi dai moderni grattacieli. Tra le sue stradine si celano monumenti, palazzi e chiese bizantine, che si affiancano a negozi e ristoranti. Dai palazzi neoclassici e dalle antiche case, cascate buganvillee e gelsomini, inebriano con i loro profumi il turista e con i loro colori accesi creano un ambiente in cui convivono armoniosamente presente e passato, bellezza e razionalità, cultura e svaghi. Il quartiere ha un forte sapore isolano, grazie alla sua pedonalizzazione, si passeggia tra i tavolini dei ristoranti all'aperto dove i camerieri vi invitano a sedervi. Nelle piazzette, nelle stradine trovi musicisti, madonnari, fiorai, e le botteghe. sono affollate da turisti alla ricerca di souvenir tipici. La zona nasce come quartiere operaio, oggi Plaka è una delle maggiori mete turistiche della capitale greca; luogo ideale per una tranquilla passeggiata.
Leggi tutto...
 

Alla scoperta della generazione fluida

E-mail Stampa PDF
Generazione FluidaAscolto, involontariamente una discussione tra giovani ragazzi, seduti sullo stesso treno regionale che da Milano porta a Genova.
Sono due ragazzi e una ragazza, intorno ai vent'anni. Lei, alta, capelli lunghi neri e lucidi, un viso chiaro con un leggero trucco che ne evidenzia la giovane età, due occhi scuri, con due ciglia lunghe e nere, un naso delicato, sottile e aggraziato su una bocca piccola con due labbra fini e rosee. Veste con un jeans sdrucito e attillato, una camicetta chiara e sottile che mette in evidenza le dolci forme di un piccolo seno. Orecchini vistosi e scuri pendono dai lobi delle due piccole e chiare orecchie. Un paio di scarpe da ginnastica in tela rosa, senza calzini completano l'abbigliamento. Una borsa enorme e colorata, contiene anche i libri di scuola che ne fuoriescono.
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte: Priorato Cluniacense di San Pietro e Paolo

E-mail Stampa PDF
Prioratoo CluniacenseStamattina il cielo azzurro ha trovato un po di spazio tra le nuvole, ma il sole si farà spazio e renderà questa giornata autunnale semplicemente fantastica.
La giornata è dedicata ad un giro "fuori porta" alla scoperta di un monastero cluniacense.
Raggiungo così il piccolo borgo, posto nella pianura biellese. Mi attende Gian, un amico, titolare di un blog di viaggi, "viaggia e scopri", è uno dei più quotati travel blogger italiani e con lui mi reco a visitare il Priorato Cluniacense di Castelletto Cervo. Il priorato è anche conosciuto come monastero cluniacense di San Pietro della Garella, anche se il suo vero nome è Priorato cluniacense dei Santissimi Pietro e Paolo di Castelletto Cervo.
Raggiungiamo il cortile dell'antico cenobio, parcheggiamo in cortile, che un tempo doveva essere il giardino del chiostro del monastero.
Una anziana signora ci accoglie, scusandosi di non essere in grado da farci da guida alla visita nella chiesa.
Leggi tutto...
 

La terra degli dei (VIII parte)

E-mail Stampa PDF
greciaIl nostro tour nella Grecia antica continua con una visita alle vestigia di Epidauro, un comune sempre dell'Argolide. Questa zona è conosciuta principalmente per il suo santuario dedicato ad Asclepio e per il suo teatro, ancora oggi utilizzato.
Visitiamo il teatro in una giornata caldissima, pare che anche il capellino che indosso sia trafitto dai raggi del sole. Mentre i miei compagni di viaggio s'aggirano tra gli enormi spazi del teatro, quasi volessero impersonificare gli antichi attori, io mi siedo sulle gradinate ad ammirare le grandi spazi che occupa. Il teatro fu realizzato nel 350 a.C. su progetto dell'architetto Policleto il Giovane. Si racconta che nessun teatro avesse uguali per perfezione e armonia di proporzioni architettoniche e per l'eccezionale acustica. Infatti dalla mia posizione della curvatura della cavea (koilon), ossia le gradinate dove prendevano posto gli spettatori per assistere alle rappresentazioni, ai giochi, o ad altri intrattenimenti, l'acustica è perfetta, tanto da sentire perfettamente i chiacchiericci di chi sta nell'area destinata al palcoscenico (logeion).
Leggi tutto...
 

Il mio Piemonte: Frassineto Po

E-mail Stampa PDF
Frassineto PoFare due passi per Frassineto Po è un piacere, sia per i suoi beni architettonici, sia perché stimola la fantasia. Prima di arrivare al centro dell'antico borgo decido di fare una capatina a vedere degli antichi oratori.
Il primo che incontro arrivando da Borgo San Martino è l'oratorio di San Rocco. Ancora oggi questo oratorio è posto ai limiti del territorio urbanizzato. Infatti, quelli dedicati a San Rocco, venivano generalmente costruiti prima degli accessi al centro abitato, in quanto il santo era invocato contro la peste e le malattie epidemiche e quindi in grado di fermare le malattie alle porte delle città e paesi. In certe zone era considerato protettore dei contadini e pregato per la difesa delle malattie epidemiche degli animali. Parcheggio vicino all'auditorium di San Rocco; un anziano contadino è impegnato a potare un contorto albero di fichi. Dalla scale, su cui è salito, mi lancia un incuriosito sguardo e poi si volta verso il ramo che deve recidere. Il cappello di paglia consunto che indossa, non ha potuto nascondere uno sguardo fiero e le rughe su un viso segnato e consumato dal tempo.
Leggi tutto...
 

Il Mio Piemonte: Quargnento

E-mail Stampa PDF
QuargnentoStamattina il cielo è plumbeo, quasi lo sento borbottare sopra di me, ma sono certo che qualche raggio di sole s'infilerà tra i gomitoli di fili grigi che le nuvole hanno disegnato.
La giornata la dedico ad una visita alla mostra temporanea che il Comune di Quargnento ha voluto dedicare al suo più illustre concittadino, il pittore Carlo Carrà.
Sarà per me anche l'occasione per fare due passi tra le antiche strade di questo antichissimo borgo dell'alessandrino.
Il viaggio è tranquillo, ascoltando un cd dei miei cantanti preferiti. Tanto che il viaggio sembra più breve di quello che è in realtà.
Devo parcheggiare l'auto dietro la chiesa parrocchiale, perché la piazza è occupata da molte automobili, complice sicuramente la mostra e il mercato settimanale.
Leggi tutto...
 

La terra degli dei (IX parte)

E-mail Stampa PDF
greciaDopo un lungo viaggio raggiungiamo la città di Atene, una metropoli cosmopolita, centro economico e culturale della Grecia.
È nota in tutto il mondo per la nascita della democrazia, per essere stata la sede dell'accademia di Platone e del liceo di Aristotele, oltre che aver dato i natali a tanti illustri personaggi come Socrate, Pericle, Sofocle. Fu una fiorente polis, considerata la culla della civiltà occidentale.
La prima tappa è arrivare al piccolo albergo che i miei compagni di viaggio hanno trovato e prenotato. La cosa che più impressiona arrivando ad Atene è il caos: le strade sono intasate da automobili strombazzanti, dalla folla caotica di turisti che si aggirano come perduti. Ma entrando nei quartieri centrali, dove le vie si fanno più strette e gli alti palazzi non permettono al sole di penetrarvi, mi colpisce soprattutto l'odore. Un odore intenso, quasi nauseabondo, un miscuglio di puzze provenienti da piccoli locali di ristoro e chissà da cos'altro!
Leggi tutto...
 

La palestra e gli spornosexual

E-mail Stampa PDF
SpornoSexualIl gelo si è appropriato della notte, si esibisce anche questa mattina congelandomi le mani, mentre cerco di sghiacciare il parabrezza dell'auto che dovrà portarmi in città. Il freddo e il gelo pare stamane abbiano rallentato i movimenti di tante persone. Ormai sulla strada che mi condurrà in palestra vedo il sole, che imperterrito incassa secondi preziosi lassù, nel cielo, nel tentativo di offrirmi una bella e luminosa giornata. Io tento di aiutarlo, ascoltando dall'autoradio le canzoni di uno dei miei cantanti preferiti.
Da qualche tempo, sono costretto a frequentare una palestra cittadina, almeno bisettimanalmente, nel tentativo di ridurre i miei dolori alla schiena, dovuti ad un ernia e una discopatia che si sono impadroniti del mio vivere quotidiano.
Leggi tutto...
 

Il Mio Piemonte: Bosco Marengo

E-mail Stampa PDF
Bosco MarengoAnche questa settimana è arrivato il week end, accarezzato finalmente dallo sguardo del sole. L'aria del mattino è spumeggiante, ho voglia di abbandonarmi e riposarmi alla rassicurante dolcezza della primavera. Non ho voglia di fare tanta strada in auto; ho solo voglia di assaporare i profumi della campagna ed immergermi in un percorso storico.
Dal balcone di casa, ammirando i campi con il grano appena germogliato, sento l'odore di primavera pervadermi, accompagnato dai primi cinguettii. All'orizzonte nuvole dispettose a un sole capriccioso, riempiono l'aria di quello strano profumo inebriante che mi è mancato per tutto l'inverno. Se oggi passerà qualche nuvola in cielo sarà solo per ricordarmi quanto è bello il sole.
Leggi tutto...
 


Pagina 6 di 25