Blog di Dante Paolo Ferraris

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Il paradiso è tra il cielo e la terra lambito da un azzurro mare (IX parte)

E-mail Stampa PDF
paradisoLa strada che unisce Atrani a Castiglione di Ravello è veramente breve; già da sotto la scalinata della Consolata si vede la piccola spiaggetta dei miei bagni giovanili.
Sono centinaia i gradini stretti e tortuosi che dalla strada percorri per raggiungere questo piccolo spazio di sabbia racchiuso in un anfiteatro di roccia scura. Qua e là le bougainville, i fichi d'india, il finocchio selvatico e l'agave sono riusciti a strappare alla roccia quel tanto di sabbia e terra che gli ha permesso di decorare la ripida scogliera.
La spiaggia in cui ero di casa negli anni '80, quando frequentavo i campi estivi che si organizzavano in costiera, evoca in me ancora molti ricordi di gioventù felice.
L'acqua era sempre calda e le onde che s'infrangevano sulla piccola spiaggia creavano piccole dune; la sabbia di un colore scuro ricopriva il corpo dei bagnanti ogni qualvolta un soffio di vento arrivava dal mare. La sabbia si infilava tra le dita e le infradito rendendo un poco fastidiosa la risalita della lunga scalinata e le mamme all'ora del pasto imbandivano la spiaggia come se fosse il tavolo di casa: tovagliette a quadri bianchi e rossi, bicchieri e bottiglie, un pezzo di pizza o un panozzo mozzarella e pomodoro. Le urla dei bambini, i richiami dei genitori, le coppiette che si appartano a ridosso degli scogli o spariscono tra le onde di un mare che compiacente nasconde le loro effusioni. il profumo dei limoni delle vicine limonaie completa con un ultimo tocco di sensazione il dipinto della piccola spiaggia.
Leggi tutto...
 

L'Autogrill... e l'acquisto che non ti serve

E-mail Stampa PDF
autogrill"SI Viaggiare" Si viaggiare cantava Lucio Battisti. Come la maggioranza degli italiani, anche io passo molte ore della giornata seduto sul sedile della mia auto, e quando entro in autostrada uno dei cartelli più attesi è quello che indica la stazione di rifornimento del carburante.
Spesso, incolonnati in autostrada per raggiungere posti di villeggiatura o rientrare in ufficio, la nostra tappa intermedia è sempre l'aria di servizio. Qui incontri il mondo che viaggia, quello con il bagagliaio stipato di ogni cosa, quello che viaggia comodamente su lussuosi SUV, quello della coda prenotata delle gite turistiche sui pullman. Ma anche quello dei camperisti, che utilizzano l'assolato piazzale scambiandolo per il dehors di lussureggianti e fresche pinete, e dei camionisti che ormai sanno trasformare quella obbligata fermata in un campeggio attrezzato.
Cosa dire dei bambini che scorrazzano tra le auto che arrivano e partono, di quelli che "ti piscio il cane" con aria stralunata, che si fanno trascinare dalla povera bestiola che si è dovuta fare un viaggio magari contro la propria volontà ed ha messo a dura prova i propri reni per ore ed ora cerca un posto tranquillo ove scaricare tensione e vescica urinaria, ma che non trova in quel calvario di viandanti dagli occhi lucidi, che nell'autogrill hanno visto il miraggio del ristoro e riposo.
Leggi tutto...
 

Il paradiso è tra il cielo e la terra lambito da un azzurro mare (VIII parte)

E-mail Stampa PDF
paradisoNei primi anni del ventesimo secolo Amalfi pian piano diventa una meta turistica molto ambita con gli amalfitani che comprendono la grande opportunità offerta loro e che intelligentemente si attrezzano realizzando comode strutture alberghiere cercando di prendere per la gola i primi turisti con le squisitezze gastronomiche locali ma aiutati in egual modo dallo splendore dei panorami e dalla grandezza della propria storia.
Un grande contributo lo offrì Mauritius Cornelius Escher ( incisore e grafico olandese), che nel 1923 visitò Amalfi restandone incantato e trovando così l'ispirazione per numerose sue opere. Nel dopoguerra Amalfi risorge ed assieme al boom economico molti artisti di ogni genere e molti ricchi avventurieri si riversano tra Capri ed Amalfi e Positano; Nel girovagare con il mio blog incontreremo molti attori e registi nonché luminari della cultura e dello spettacolo che qui hanno trovato il loro paradiso, una fantastica fusione tra arte e natura, poesia e bellezza ed amori appassionati nati sulle scalette delle stradine della costiera che hanno contribuito a trasformare queste amene località in un richiamo turistico di rilievo internazionale.
Con i miei amici mi inoltro per ATRANI, un piccolissimo Comune diviso da Amalfi da una buia galleria. Con i suoi 900 abitanti circa è il più piccolo comune del Mezzogiorno per superficie con i suoi 0,20 km², secondo in Italia solo dopo a Fiera di Primiero (TN).
Leggi tutto...
 

Il paradiso è tra il cielo e la terra lambito da un azzurro mare (VII parte)

E-mail Stampa PDF
paradisoSotto il Municipio, fronte mare il Gran Caffè, c'è il bar dell'aperitivo, sorseggiato in riva al mare, guardando dalla balconata del lungomare la sottostante spiaggia, ancora piena di avventori.
Il cocktail di sempre è il Martini Bianco con una scorza di limone, Spesso Andrea cede alle mie pressioni e invece di bersi una Coca Cola sorseggia il calice di Martini. Gli effetti sono quasi sempre devastanti. Assolutamente astemio una piccola goccia di alcool lo porta ad una grande euforia che gli fa accelerare la parlata. Stefano, detto il "marchese", invece beve tranquillo il suo fresco cocktail.
La spiaggia di Amalfi è immersa in un'atmosfera di altri tempi per la presenza, alle sue spalle, della città medievale di Amalfi e delle alte scogliere, costellate di edifici ecclesiastici, antiche torri di avvistamento e anche di piccole botteghe che si integrano in modo armonioso con il paesaggio.
La deliziosa spiaggia, delimitata alle estremità da alte ed imponenti scogliere, su cui corrono la strada e la balconata della passeggiata, è un ampio arenile di sabbia fine; non si può definire immensa, rapportandola alle spiagge adriatiche, ma sicuramente è sempre affollata durante la bella stagione.
Leggi tutto...
 

Il paradiso è tra il cielo e la terra lambito da un azzurro mare (VI parte)

E-mail Stampa PDF
paradisoLa strada che porta al porticciolo è stretta e trafficata, oltre ad essere a doppio senso di circolazione, e su questa via si affacciano la caserma della Capitaneria di Porto e un noto albergo.
Sempre su questo lungomare dedicato ai Cavalieri vi è il garage della SITA, la società di pullman che collega l'intera costiera con il capoluogo e con Napoli.
L'autorimessa non è grande e devo francamente affermare che ho sempre ammirato la destrezza di questi autisti che con questi moderni autobus percorrono le stradine della costiera e riescono ad entrare nel minuscolo garage che si affaccia su una strada così stretta. Nella mia città di pianura, vista comunque la velocità che tengono su queste difficili strade, un autista di questi mostri d'acciaio, da 54 posti a sedere, potrebbe sembrare un marziano per le sue evoluzioni nella guida, e potrei assimilarli a piloti di torpedoni da corsa.
Leggi tutto...
 

Di corsa con le piume al vento

E-mail Stampa PDF
bersaglieriEra mia intenzione poter assistere al raduno nazionale dei bersaglieri che si è svolto a Torino, anche questo in occasione del 150° dell'unità nazionale. Purtroppo diversi impedimenti non me lo hanno permesso.
Sono sempre stato ammaliato da questo corpo militare un po' per la sua specificità di arma un po' per la sua storia, infatti i cappelli piumati dei bersaglieri sono parte integrante della storia d'Italia e hanno contribuito a scriverla, dalla guerra di Crimea, alla Liberazione fino alle attuali missioni internazionali.
Il Corpo è tornato a Torino in occasione del 150° dell'Unità Nazionale nella città che gli diede i natali il 18 giugno 1836 per volontà ed iniziativa del Generale Alessandro Ferrero della Marmora. Mi sarebbe piaciuto vederli marciare o meglio correre per le strade con i loro cappelli piumati, mentre animano le piazze sabaude con le loro fanfare, tra una folla di gente che li considera tra i corpi più amati del nostro esercito.
Un Corpo valoroso, sempre ritratto dai più grandi artisti durante i fatti d'arme più importanti della nostra Italia fin dai primi passi del processo di unificazione italica. Dalla guerra d'indipendenza a quella di Crimea, dalla presa di porta Pia allo sbarco di Trieste del 1918, dalla guerra di liberazione alle prime missioni di pace del Generale Angioni in Libano nel 1982.
Leggi tutto...
 

La crisi economica vista dall'italiano medio

E-mail Stampa PDF
Crisi EconomicaL'opportunismo ormai pare esser divenuto una virtù, in queste settimane ove tra la concitazione di una crisi economica che inizia a farsi sentire nelle tasche degli italiani, le dichiarazioni di politicanti che ormai si perdono nelle più torve miniere dell'assoluto interesse personale e il gioco al "dividi et impera" tra politica e sindacati, pare ormai che nulla sia cambiato o quantomeno non ci si voglia render conto, come se tutto ciò non potesse accadere a noi ma ad altri.
Continuiamo a guardare comodamente, come fosse una telenovela, le immagini televisive di Grecia, Spagna, Francia ove "indignados" ed altri contestano manovre economiche che pesano solo sul lavoratore dipendente e sui pensionati. Gli studenti temono di vedere il loro futuro sempre più precario, sia di nome che di fatto.
Nemmeno le bollette da pagare di luce, acqua, gas, rifiuti, nemmeno mutui, bolli auto, telefoni ecc... che con cadenza giornaliera il postino continua a portarci, sembrano scalfire il qualunquismo imperante nella gran parte di noi.
Leggi tutto...
 

Too little...

E-mail Stampa PDF
SomaliaDa qualche giorno i telegiornali di tutto il mondo non mostrano più le immagini che spezzano il cuore di bambini somali malnutriti, con le pance gonfie, di lattanti che poppano dagli scarni seni di madri senza latte, mentre le mosche si muovono ronzanti intorno agli occhi delle piccole creature. Le scene delle madri, dalle braccia scarne e con gli occhi che sembrano fuori dalle orbite, che cullano i piccoli corpicini dei loro bambini, cercando di farli addormentare, cosi da non sentire così i crampi della fame, colpiscono sempre l'immaginario collettivo.
Immagini che trovi oggi solo negli appelli, ad esempio di M.S.F. o di AGIRE, in onda su alcuni canali nazionali e non sempre nelle ore di maggior ascolto, ACNUR, UNICEF, S.O.S. VILLAGGIO DEI BAMBINI, OXFAM invece preferiscono lanciare appelli sui maggiori social network, mentre le nostre ricche trasmissioni di Rai e Mediaset continuano invece a regalare migliaia di euro a chi scopre la scatola giusta.
La maggioranza degli italiani sdraiati comodamente sotto gli ombrelloni di una qualunque spiaggia, sfogliano distrattamente la decima pagina di un qualche giornale nazionale, ove un piccolo trafiletto accenna alla tragedia somala; il tutto mentre svogliatamente ci si gusta un bel gelato.
Leggi tutto...
 

Il desiderio che appaga corpo e palato (II ed ultima parte)

E-mail Stampa PDF
peperoncinoLa ricerca di sensazioni forti, che stimoli maggiormente la sensualità del partner desiderato, la ricerca di quel qualcosa che aumenti le proprie prestazioni, tali da farti sentire appagato con te stesso, desiderato dal partner e invidiato dagli amici, porta a sentirsi quasi un novello Don Giovanni dell'opera teatrale o di un moderno Casanova.
La letteratura ci ha riempito pagine e pagine di storie di amanti, gelosie, storie a lieto fine o tragedie in cui già ai tempi scolastici ci siamo immedesimati e di cui possiamo citare la passione tra i personaggi. Come non ricordare Romeo e Giulietta di shakespeariana memoria, Ginevra e Lancillotto (Cavalieri della tavola rotonda), Tristano e Isotta (di Wagner) Otello e Desdemona (The tragedy of Othello, the Moor of Venice), Tancredi e Clorinda (Gerusalemme liberata), Dante e Beatrice (Divina Commedia), Arianna e Teseo (Creta - mitologia greca), Orfeo e Euridice (Metamorfosi di Ovidio), Renzo e Lucia (Promessi Sposi), Ulisse e Penelope (l'Odissea di Omero), Tosca e Cavaradossi (Tosca), Tamino e Pamina - Papageo e Papagena (Flauto magico), Aci e Galatea (mito greco), Eco e Narciso ( Metamorfosi di Ovidio), Ettore e Andromaca (Iliade), Elena e Paride (Iliade), Arianna e Teseo (mitologia greca), Amore e Psiche (Le metamorfosi di Apuleio), Violetta e Rodolfo ( La traviata), Cyrano e Rossana (Cyrano de Bergerac di Rostand) e ancora Aragorn e Arwen (il Signore degli Anelli), Paolo e Francesca (Divina Commedia) e non dalla letteratura, Cleopatra, Cesare e Antonio, ma anche Napoleone e Giuseppina, e di risorgimento memoria Garibaldi Giuseppe e Anita ma Oscar Wilde con Lord Alfred Bruce Douglas che gli dedico una struggente poesia.
Leggi tutto...
 

Il mio blog in un mese (agosto 2011)

E-mail Stampa PDF
statisticheL'8 gennaio del 2010 vedeva la luce il mio blog; una raccolta di storie, pensieri, idee e proposte, che non aveva e non ha tuttora lo scopo di essere un giornale o un saggio, ma vuole semplicemente descrivere ciò che io sono, pregi (pochi) e difetti (molti). Non ho cercato ne cerco successi, non li ho mai cercati nella mia vita e non è certo ciò che attendo scrivendo il mio blog. Altrettanto la mia scrittura non può certamente influenzare la mia esistenza o quella di qualche malcapitato lettore.
Narrazioni di viaggi ed attività compiute, viste dall'occhio del protagonista che scava nella memoria, alla ricerca delle sensazioni provate. Sono i sentimenti che provo ogniqualvolta apro un giornale e leggo qualche notizia che attira la mia attenzione, purtroppo quasi sempre con una sensazione di disprezzo e protesta invece che di manifesto compiacimento.
Le visite al sito sono sempre state altalenanti, come in ogni blog che si rispetti: grazie a questo strumento, ho ritrovato degli amici che sono diventati miei lettori e ho trovato lettori di cui sono diventato amico.
Ho trovato un mondo di blogghettari con cui scambiare idee e pensieri e promuovere le nostre attività, insomma mi sono e mi sto divertendo; questo già mi basta e mi appaga.
Leggi tutto...
 

Il paradiso è tra il cielo e la terra lambito da un azzurro mare (V parte)

E-mail Stampa PDF
paradisoLa Torre dello Ziro è perfettamente individuabile anche dal mare, posta sulla cima della dorsale del parco del Monte Aureo che chiude ad est nel fitto labirinto di pini marittimi.
Il nome di origine araba le fu attribuito per la somiglianza ad un contenitore tipico di forma cilindrica utilizzato per la conservazione di olio e cereali.
Costruita dal duca Antonio Piccolomini nel 1480 sull'ultima propaggine verso il mare del Castrum Scalellae che, insieme al Castrum Pigellulae (oggi Pogerola), costituiva le mura del Ducato di Amalfi e anche qui come in ogni luogo da "favola" insiste la sua leggenda.
La torre è costruita sui ruderi preesistenti della rocca di S. Felice del XII secolo e la fantasia unita alla tradizione vuole che un alone di mistero e di immaginazione racconti la triste storia della duchessa di Amalfi, Giovanna d'Aragona che qui fu rinchiusa e uccisa insieme ai suoi figli. Figlia illegittima di Ferdinando I d'Aragona nel 1490, all'età di dodici anni, la fanciulla andò in moglie al duca di Amalfi Alfonso Piccolomini. Pare che costui fosse un uomo dissoluto e corrotto e la lasciò vedova e madre di due figli molto presto con il gravoso compito di guidare un Ducato che praticamente era in rovina. Disegnata come giovane e caparbia, riuscì a risollevare il governo e, con l'avvenente maggiordomo di corte, tale Antonio Bologna, a ricostruirsi una famiglia.
Leggi tutto...
 


Pagina 55 di 62